Ipnosi, dalla Magia alla Medicina, al Palcoscenico, alle Rapine

Conosciuta da quando esiste l’umanità, che l’ha usata sia per il bene che per il male, nell’immaginario collettivo l’ipnosi rimane ancora spesso collegata alla magia e all’esoterismo anche ai nostri giorni, ma in realtà è uno stato naturale della coscienza che può essere indotto ma nel quale si va anche spontaneamente diverse volte al giorno, quando senza volerlo, in maniera automatica, non volontaria, “inconscia” si vaga con i pensieri ovunque e da nessuna parte, fino ad estraniarci dal mondo che ci circonda.

Insomma l’abbiamo provata tutti, tutti i giorni.

Nel passato fu utilizzata da maghi, stregoni e sacerdoti per “guarire” dalle malattie, per fare riti, per mostrare la propria potenza e i propri “poteri”, nonostante l’era moderna in cui viviamo mantiene ancora un alone di mistero e spesso è ancora considerata una “non scienza” nonostante ai nostri giorni venga utilizzata in maniera massiva dalla popolazione colta che governa e dalla disinformazione per manipolare le masse e indurle a fare determinate scelte, il tutto sotto gli occhi di tutti e utilizzando trucchi verbali e non di ogni tipo.

Ipnosi Naturale

Nonostante tutte queste credenze ereditate nel tempo, l’ipnosi è un fenomeno assolutamente naturale, e si innesca automaticamente quando un individuo si concentra su un’unica idea, questa concentrazione protratta porta il soggetto in una “dimensione” distaccata dalla realtà oggettiva e ciò che il soggetto vive in questo stato di coscienza diventa per lui la nuova realtà come se attorno a lui non stesse succedendo altro.

La questione dell’ipnosi è di assoluta rilevanza scientifica in quanto ciò che accade nel cervello è stato studiato e misurato, quindi siamo davanti ad evidenze oggettive.

Lo stato ipnotico è importante in quanto ha un ruolo fondamentale, in questo stato l’individuo ci va automaticamente per recuperare energie e risorse per poi riuscire ad eseguire le attività quotidiane in maniera efficiente.

L’ipnosi viene infatti utilizzata anche a livello agonistico/sportivo per migliorare le performance degli atleti e per plasmare e rendere più efficiente il modo di pensare degli atleti e il modo di vivere e vedere la competizione stessa.

Ipnosi e Illusionismo

Per comprendere come l’ipnosi sia arrivata al mondo della magia e dell’illusionismo occorre ricordare che uno dei capostipiti, dei personaggi importanti che studiarono e praticarono l’ipnosi fu Anton Mesmer, circa 200 anni fa.

Mesmer pensava che l’ipnosi fosse dovuta ad un “fluido magnetico” invisibile che agiva sugli individui e portava allo stato ipnotico.

Ipotizzava che questo fluido potesse avere un origine elettrica o magnetica così durante le sessioni di ipnosi cominciò ad utilizzare anche calamite e ad applicare sfioramenti “passi magnetici” a distanza ravvicinata delle parti del corpo delle persone, un modo secondo lui per trasmettere il fluido magnetico.

Spesso ottenne risultati e fenomeni ipnotici, per cui alle sue pratiche e all’ipnosi in generale a quel tempo venne dato il nome di Mesmerismo e magnetismo.

Sappiamo oggi che non erano le calamite a provocare l’ipnosi ma il contesto suggestivo nel quale si svolgevano le pratiche ad essere la causa dell’induzione ipnotica.

I fenomeni ipnotici proprio in quanto l’ipnosi è un fenomeno immaginativo, sono speso bizzarri, a seconda delle suggestioni si possono avere amnesie, analgesie e una serie di altre fenomenologie insolite.

Da qui è facile comprendere come se queste fenomenologie non siano ben presentate in un ambito scientifico, possano invece essere presentate, utilizzate e credute pratiche magiche o illusionistiche, anzi si prestino molto bene a queste attività di spettacolo e intrattenimento.

Ipnosi da scena

Nel tempo, e grazie a queste caratteristiche dell’ipnosi, questa è approdata al mondo dell’illusionismo e ha preso il nome di Ipnosi da scena o ipnosi da Spettacolo.

In questi spettacoli il performer è solitamente un illusionista che si presenta davanti al pubblico come ipnotizzatore.

Fa fare al pubblico alcuni semplici compiti, come incrociare le dita sulla testa, poi comincia  a dare delle suggestioni e vede i soggetti tra il pubblico che lo assecondano maggiormente.

Questi sarebbero i più suggestionabili che chiamerà poi sul palco per un’ipnosi più profonda.

Questi soggetti una volta sul palcoscenico vengono fissati negli occhi dall’ipnotizzatore e dopo pochi istanti chiudono gli occhi e cadono in ipnosi profonda.

Da questo momento sono dei burattini nelle mani dell’ipnotizzatore che dirà loro cosa fare, ad esempio, abbaiare, fare finta di suonare il violino, spogliarsi ecc, senza potere opporsi alla volontà dell’ipnotizzatore.

Le cose non stanno così, l’illusionista ha dei compari tra il pubblico e sono quelli che verranno scelti e reciteranno la parte degli ipnotizzati.

Altre volte non ci sono compari ma l’illusionista sul palco sussurra agli spettatori di stare al gioco così il pubblico si divertirà, promettendo loro un compenso.

Ipnosi e legge

Per quanto riguarda il discorso legale, la legge in italia non vieta di praticare l’ipnosi, o meglio, permette a chiuque di praticare sulle persone un’induzione ipnotica genuina, reale, ma non permette a tutti di dare suggestioni ipnotiche di tipo terapeutico.

Mi spiego meglio, se sei un medico puoi legittimamente indurre l’ipnosi e dare suggestioni ipnotiche al paziente per smettere di fumare, se non sei un medico non puoi farlo.

Se però non sei un medico puoi indurre l’ipnosi e dare suggestioni, ad esempio di amnesia del nome poi rimuoverle, in quanto non stai facendo terapia ma solo intrattenimento.

Ad ogni mondo avendo a che fare con un fenomeno della psiche sarebbe opportuno essere adeguatamente esperti su come gestire eventuali problemi anche se molto rari durante la pratica dell’ipnosi su una persona.

Rapine con Ipnosi

Ogni tanto i media riportano notizie riguardanti rapine o crimini accaduti sotto ipnosi.

Un malvivente, uno zingaro, avrebbe derubato una persona ipnotizzandola.

Ci troviamo davanti ad una descrizione dell’accaduto che non corrisponde alla realtà, infatti solitamente in questi casi ci si trova davanti ad un crimine commesso grazie a tecniche di confusione che vanno a confondere la percezione della vittima, una sorta di supercazzola che crea confusione nella mente della vittima, che viene derubata.

La vittima soffre nel dovere ammetere di essersi fatta fregare così cerca di giustificare se stessa raccontando di essere stata ipnotizzata e non ricordare nulla.

L’ipnosi è da escludere, per ottenere uno stato ipnotico occorre un bravo ipnotista, un ottimo soggetto ipnotico in termini di suggestionabilità, e un rapporto di fiducia tra i due, senza questi elementi niente ipnosi.

Per gli stessi motivi è irrealistico parlare di crimini e delitti sotto ipnosi, in più occorre dire che se una persona non è un criminale non esiste ipnosi che gli può fare accettare un ordine di eseguire un compito contrario alla propria etica e morale.

Ipnosi Regressiva e Progressiva

Si sente tanto parlare di Ipnosi Regressiva e negli ultimi anni di Ipnosi Progressiva.

In questo tipo di ipnosi il soggetto verrebbe indotto in un caso nel passato, fino addirittura a ricordare vite precedenti e nel secondo in un futuro ancora da vivere.

Tutto ciò è molto controverso come ben puoi immaginare.

Per ora non c’è alcuna certezza, la cosa che la scienza ritiene più probabile è che semplicemente l’ipnosi essendo un fenomeno a base immaginifica faccia si che il soggetto si immerga nella sua fantasie e creatività creando la sua realtà passata e futura, quindi falsi ricordi ad esempio.

Di fatto in un aula di tribunale l’ipnosi non ha valore di prova proprio per la sua caratteristiche affinità intrinseca con l’immaginazione.

Ipnosi e Medicina

L’ipnosi viene utilizzata in medicina e psicoterapia in diversi modi.

In medicina ad esempio per indurre analgesia per il parto o per manovre dentistiche in soggetti in cui è controindicato l’uso di farmaci anestetici.

In Psicoterapia è utilizzata con successo sulle orme del lavoro del padre dell’iponosi moderna Milton Erickson il cui lavoro fu poi codificato e divulgato dai creatori della PNL Bandler e Grinder.

L’ipnosi moderna di Erickson, detta “Ipnosi conversazionale” non è un tipo di ipnosi autoritario, che imprime ordini al soggetto ma lo lascia libero fare le scelte più adatte a se stesso e nel rispetto delle sue tempistiche.

Erickson praticava una sorta di Story Telling avanzato, utilizzando storie ipnotiche nelle quali il soggetto si immedesimava e tramite lo svolgimento delle stesse si vedeva passare da uno stato con la presenza del problema fino alla fine della storia in cui il protagonista era libero dal problema.

Teoria dell’ipnosi

La scienza spiega l’ipnosi in questi termini.

Il cervello è formato da due emisferi, destro e sinistro.

L’emisfero destro svolge le attività di tipo creativo, immaginativo e automatico mentre l’emisfero sinistro è sede della razionalità dell’individuo.

L’ipnosi è la tecnica mediante la quale si bypassa momentaneamente la censura del cervello critico (emisfero sinistro) per accedere al cervello inconscio dove albergano immaginazione, significati e simboli.

In psicoterapia l’accesso al cervello inconscio può servire per impiantare tramite le suggestioni, nuovi comportamenti favorevoli alla salute dell’individuo, ad esempio smettere du fumare.

Come si ipnotizza?

Ipnotizzare significa indurre un soggetto in stato ipnotico e può essere fatto in diversi modi.

Esistono diversi tipi di ipnosi, ognuno dei quali è più o meno adatto a seconda del soggetto da ipnotizzare e trovare il metodo più adatto è compito dell’ipnotizzatore esperto.

Le tecniche di ipnosi  possono essere sia verbali che non verbali, altre come la fascinazione  prevedono invece la fissazione dello sguardo.

La base della tecnica ipnotica è comunque quella di fare concentrare l’attenzione del soggetto su un’unica idea in modo da farlo estraniare dalla realtà e volgere l’attenzione dentro se stesso.

Ipnosi e Trance

Spesso vengono confusi, in realtà i due termini Ipnosi e Trance fanno parte dello stesso tema ma indicano due cose diverse.

L’ipnosi è la tecnica con cui si induce lo stato di trance ossia quello stato in cui il soggetto si estranea dal mondo esterno e che manifesta segnali tipici come rilassamento profondo, chiusura delle palpebre, catalessia e scarsa propensione all’eloquio.

La Suggestione in Ipnosi

La suggestione in ipnosi è il metodo con il quale si fa terapia, in ambito medico, oppure intrattenimento al fine di fare sopettacolo (rara l’ipnosi reale come abbiamo visto in ambito di intrattenimento).

Il soggetto in trance è libero dagli schemi mentali della vita e società quotidiana, la mente razionale non giudica più, in questo stato il soggetto si trova nelle condizioni ottimale per ricevere suggestioni di benessere per se stesso, al fine di rimuovere comportamenti sfavorevoli sostituendoli con comportamenti e modi di agire più favorevoli alla propria salute fisica e psichica.

Tutti, chi più chi meno possono essere ipnotizzati e usufruire dei benefici dell’ipnosi, anche se alcune persone, quelle molto razionali, i cosiddetti “ipercritici” sono solitamente difficili, talvolta impossibili da ipnotizzare.

La tendenza di una persona a non fidarsi, a non lasciarsi andare, ad avere un approccio molto analitico alle questioni della vita la rende solitamente un cattivo soggetto ipnotico.

Per dovere di chiarezza esiste anche una forma di ipnosi priva di trance.

Nell’ipnosi conversazionale infatti si può anche affermare che non c’è una vera e propria trance nel senso tradizionale, questa tecnica infatti è molto utile nelle persone ipercritiche, iperlogiche, iper razionali, in quanto il soggetto non concede un abbandono come  quello richiesto in altre forme di ipnosi, ma l’utilizzo di un certo linguaggio verbale “nascosto” da parte dell’ipnotizzatore fa comunque passare le suggestioni a livello inconscio conciliando così la necessità di parlare con l’inconscio in modo efficace con la caratteristica del soggetto iperlogico a non abbandonarsi completamente.

Per approfondire lo studio dell’ipnosi scopri le nostre guide pratiche!